categorie categorie del sito
 Schede madri separatore
 Processori separatore
 Bios separatore
 Schede video e monitor separatore
 Chipset separatore
 Memorie RAM separatore
 Storage separatore
 Dissipazione separatore
 Accessori, case e sistemi separatore
 HTPC e alta definizione separatore
 Notebook, netbook e phone separatore
 Sicurezza e reti separatore
 Software e videogame separatore
 Web e gossip separatore
 Overclock e modding separatore
 HowTo separatore
 Elettronica e informatica separatore
 
 Guida al bios separatore
 FAQs separatore
 Windows 7 FAQ & Tips separatore
 Windows Vista FAQ & Tips separatore

 servizi servizi del sito
 Iscrizione a Daily Dinox's separatore
 Pubblicità su Dinox PC separatore
Tool ricerca per Firefox 2 Tool ricerca per Firefox 2 separatore
Tool ricerca per IE7 Tool ricerca per IE7 separatore
Links utili
 Aziende ITC separatore
 Partners di Dinox PC separatore
 Mr.Webmaster separatore
 DevSpy.com separatore
 MPEGX.com separatore

Article panel >  Storage
 
Intel SSD 320 300GB: tanto spazio ad un prezzo accettabile
“I nuovi SSD Intel 320 sfruttano memorie NAND Flash a 25nm abbinate ad un controller ultra-collaudato per garantire prestazioni interessanti, tanto spazio a disposizione (fino a 600GB) ed un prezzo accettabile”
 Di Dino Fratelli, Marino Berrè, 01 September 2011
Submit to reddit    Proponi su Oknotizie    Dillo a un amico    
Pagina 1 - Introduzione
Uno degli interrogativi maggiori che ci si pone quando si acquista un personal computer notebook o desktop di una certa caratura riguarda l´installazione di un disco allo stato solido, elemento capace di chiudere il cerchio in termini di prestazioni pure poiché elimina ogni collo di bottiglia derivante dai caricamenti disco dei tradizionali HDD, assieme a consumi e silenziosità da manuale per via dell´assenza di parti meccaniche in movimento. Qualche dubbio esiste ancora sull´affidabilità non tanto perché la vita media di simile prodotto sia così inferiore alla vita media del sistema nel suo complesso, quanto per il continuo verificarsi di problemi che in qualche modo vanno a toccare quello che di più importante abbiamo nei nostri computer: i dati.

Gli SSD  comportano anche altre problematiche. La più comune riguarda il costo dei moduli di memoria, che non è propriamente popolare e che spinge in alto il prezzo per gigabyte rispetto ad un normale HDD con un rapporto che supera i 10:1 (per fare un esempio, un disco SSD da 128 gigabytes costa non meno di 170 euro, mentre un´unità tradizionale da 2 terabytes costa appena 65 euro). Altro neo è la capacità di memorizzazione che, per via della tecnica attualmente impiegata, non consente di superare un certo valore per fattore di forma: sino a qualche mese fa i modelli top di gamma da 2,5 pollici toccavano punte massime di 512 gigabytes e per ottenere più spazio era necessario ricorrere ad unità aggiuntive o modelli con differente fattore di forma (OCZ Colossus, ad esempio, disco SSD da 3,5 pollici, o RevoDrive, che integra più dischi SSD e relativi controllers su uno o più PCB connessi al sistema mediante PCI Express).

Il doppio limite è ancor più evidente sul versante notebook poiché la maggior parte di queste macchine non ha predisposizione per l´installazione di due dischi fissi: SSD e disco USB esterno se si necessita di spazio, od HDD tradizionale se non si vuole il disco esterno e si vogliono risolvere i problemi di spazio (ma ridurre di conseguenza le prestazioni rispetto alla prima soluzione). Dubitiamo che l´acquisto di un disco SSD da 512 gigabytes (1000+ euro) sia scelta contemplabile dall´utente medio.

Intel si è attivata per arginare queste falle: partendo dall´ottima base della linea X25-M, evidenzia elementi idonei ad abbassarne il costo per gigabyte mantenendo l´elevato livello di prestazioni e di affidabilità nel tempo; risolve inoltre i problemi di capacità tramite l´impiego di celle di memoria NAND con processo produttivo a 25 nanometri, che offrono una maggiore densità per fattore di forma rispetto a quelle sinora realizzate con processo produttivo a 34 nanometri. La barriera dei 512 gigabytes per fattore di forma da 2,5 pollici può essere finalmente superata.

Intel SSD 320

La serie di prodotti in questione è indicata come Intel SSD 320 ed al suo interno sono disponibili unità con fattore di forma da 1,8 e 2,5 pollici e tagli differenti a seconda delle proprie esigenze. I modelli da 1,8 pollici hanno capienze di 80, 160 e 300 gigabytes ed ingombri ridottissimi, mentre quelli da 2,5 pollici sono frazionati in tagli da 40, 80, 120, 160, 300 e 600 gigabytes. Interessanti i valori medi dichiarati per le prestazioni: i modelli da 80 a 600 GB offrono punte velocistiche di ben 270 MB/s in lettura, e valori che vanno da 90 a 220 MB/s in scrittura a seconda del taglio. Si tratta di unità non estreme che, nella loro definizione midrange offrono comunque prestazioni (almeno sulla carta), simili a quelle dei prodotti top di gamma di passata generazione.

 Pagina 2 • Specifiche e layout

 
Dinox PC - Copyright © 1999-2010 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa - Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica sono riservati
dinoxpc.com: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di CS n. 16/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.

Copyright info | Legal info | Privacy | About
Per la pubblicità: Master Advertising